Cambiamento Climatico: una Minaccia per l’Uomo

13 Nov Cambiamento Climatico: una Minaccia per l’Uomo


Recenti dati climatici confermano che il 2015 è diverso da qualsiasi altro anno nella storia umana

 

Negli ultimi giorni, un gruppo di scienziati si è riunito per raccontare una storia familiare eppure sconvolgente: Gli esseri umani hanno modificato profondamente il sistema di supporto vitale del pianeta.

Lunedì gli scienziati del servizio meteorologico nazionale della Gran Bretagna, il Met Office, hanno affermato che il 2015 si concluderà, per la prima volta nella storia, con una temperatura di 1 grado Celsius superiore rispetto ai livelli pre-industriali. Questo dato spaventa molto gli scienziati, i quali affermano che rappresenta un cambiamento climatico molto pericoloso.

Il calore globale di quest’anno sarà di due decimi di grado più caldo del 2014, un salto enorme rispetto alla media di tutto il pianeta. Questa variazione può essere attribuita ad un’eccezionale effetto di El Niño (un anomalo riscaldamento delle acque Pacifico Tropicale), ma ciò non sarebbe comunque successo senza decenni di emissioni che hanno trattenuto il calore dalla combustione di combustibili fossili.

Abbiamo avuto eventi naturali simili in passato, ma questa è la prima volta che abbiamo raggiunto il livello di 1 grado, ed è chiaro che è stata l’influenza umana a portare alla modifica del nostro clima moderno” ha detto Stephen Belcher, direttore di Hadley Centre del Met Office in un comunicato.

Se ciò non bastasse, l’Organizzazione meteorologica mondiale, una divisione delle Nazioni Unite, ha anche confermato che il livello di biossido di carbonio mondiale ha raggiunto un nuovo record nel 2014, per il 30° anno consecutivo. Più anidride carbonica è presente nell’atmosfera, più il pianeta è in grado di intrappolare il calore del sole, più le temperature globali salgono. Dal momento che le nostre emissioni di anidride carbonica hanno una durata di cento anni circa, c’è un ritardo significativo in questo processo. Le temperature resteranno quindi in aumento per decenni, anche se tutte le emissioni umane cessassero oggi.

Alla fine del mese, i leader mondiali si riuniranno a Parigi e dovrebbero accordarsi per la prima volta per limitare significativamente le future traiettorie delle emissioni, forse abbastanza per evitare lo scenario climatico peggiore per l’umanità.

 

Fonte: Slate.com

Nessun Commento

Inserisci un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.