Infissi in pvc o alluminio

03 Feb Meglio Infissi in PVC o Alluminio ? La Guida Definitiva


Meglio infissi in PVC o Alluminio? La Guida Definitiva

 

In questa guida scoprirai quali sono le differenze tra gli infissi in PVC e alluminio. Vedremo assieme i pro e contro di ciascun materiale rispetto all’altro. Parleremo di Isolamento Termico, Acustico, di Muffa e Condensa. Leggilo fino in fondo, risultati assicurati!

Sei pronto? Iniziamo!

Innanzitutto mi presento: sono Mauro, il titolare di Tigullio Design (l’azienda N.1 di finestre a Genova) e lavoro nel mondo dei serramenti da oltre 25 anni.

Da un po’ di tempo a questa parte, girovagando per il web, leggo centinaia di commenti per questa domanda:

Quali serramenti sono i migliori? Meglio il PVC o l’alluminio per i miei infissi?

E’ proprio per questo che oggi, in questo articolo, voglio sfatare tutte le dicerie su questo argomento spiegandoti molto semplicemente la differenza tra PVC, Alluminio e Legno, e i relativi pro e contro.

Ho preparato anche un video che ti potrebbe essere molto utile.

 

 

Essendo l’articolo molto lungo e dettagliato, ho creato un indice degli argomenti, così puoi saltare direttamente alla parte che ti interessa senza leggere per forza tutto.

 

 

Infissi in Alluminio

Devi sapere che esistono due tipi di infissi in alluminio: a Taglio Freddo e a Taglio Termico.

Aspetta, Mauro, quale è la differenza?

I serramenti in alluminio a taglio freddo (ossia la maggior parte degli infissi tradizionali più vecchi) sono composti da un profilo totalmente in alluminio.

Nel caso dell’alluminio a taglio termico, invece, tra il profilo interno e il profilo esterno viene inserito un materiale isolante che ha il compito di garantire un maggiore isolamento termico e minori dispersioni.

Se non hai capito, non ti preoccupare, affronteremo meglio questo discorso nel capitolo successivo.

Ok, fatta questa premessa, possiamo iniziare:

Infissi in Alluminio a Taglio Freddo

pvc o alluminio condensa
Escludiamo a priori l’alluminio così chiamato a taglio freddo 
che, essendo un metallo, trasmette il freddo all’interno quando fuori fa freddo e il caldo quando fuori fa caldo.

Questo significa che se fuori ci sono 0 gradi e all’interno 20°, il freddo incontrerà il caldo e nel punto di contatto (detto punto di rugiada), che in questo caso è la finestrae darà il via alla formazione di condensa e di conseguenza muffa.

CondensaSi comporta allo stesso modo di una bottiglia d’acqua fredda che, tirata fuori dal frigorifero e messa sul tavolo, si riempie di goccioline di condensa

L’alluminio a taglio freddo non è assolutamente adatto per costruire finestre!

Ne sanno qualcosa tutti coloro che ce l’hanno in casa: sensazione di freddo, poco comfort e benessere, condensa, muffa sui muri, elevato consumo di riscaldamento e raffrescamento.

Se qualcuno ti consiglia ancora questo materiale, scappa a gambe levate!

Alluminio a taglio freddo: Assolutamente NO

 

Infissi in Alluminio a taglio termico

Per fare in modo che il serramento in alluminio non conduca, bisogna inserire tra il profilo esterno e il profilo interno un materiale isolante.


Per raggiungere valori termici paragonabili al PVC o al legno, l’isolante interno deve essere molto spesso e di conseguenza le dimensioni del serramento diventano più importanti e vanno ad incidere sui costi dei materiali e quindi sul prezzo finale.

Esistono in commercio dei serramenti in alluminio a taglio termico con un minimo isolante che come valore termico non sono affatto paragonabili al PVC e al legno.

Costano meno ma è come acquistare un elettrodomestico in classe B anziché uno in classe A++, cioè consumano molto di più.

infissi-pvc-alluminio-taglio-termico

Se pensiamo che la finestra ha una durata media di 30 anni, è conveniente pagare meno ora un qualcosa che ci farà consumare di più per i prossimi 30 anni?

Serramenti in alluminio a taglio termico: SI, a patto che abbia dei valori termici paragonabili al pvc o al legno

Serramenti in alluminio a taglio termico: NO, con profilo di spessore e isolamento minimo

 

 

Infissi in PVC

PVC o ALluminio

Il PVC è un materiale che non conduce per natura, ottimo per costruire le finestre perché è un taglio termico naturale.

Mmm, aspetta Mauro, cosa significa?

Se fuori ci sono zero gradi e dentro venti, se tocchiamo il profilo all’esterno lo sentiremo freddo ma all’interno la nostra sensazione sarà di calore.

Non c’è contatto tra caldo e freddo, perciò niente condensa.

E’ molto valido anche a livello acustico perché il telaio e l’anta sono formate da più camere d’aria che unite ad un vetro specifico impediscono al rumore di entrare dentro casa.

Non necessita di alcuna manutenzione ed è molto facile da pulire.

Ha un ottimo rapporto qualità prezzo.

Gli infissi in PVC sono ottimi, a patto che siano prodotti e costruiti da aziende specializzate (NON da un semplice artigiano): aziende specializzate con all’interno un controllo qualità giornaliero e certificazioni ottenute tramite test di laboratorio.

Compreresti mai a tuo figlio un giocattolo proveniente dall’estero senza certificazioni? Che sicurezza ti può dare? Quanto può durare?

La durata degli infissi in PVC è di decine di anni, ma attenzione! Perchè per durare nel tempo, il PVC deve essere di prima qualità, con profili e ferramenta moderni e innovativi.

I vetri devono essere anti infortunio, con canalina termica e gas.

La canalina è il profilo che separa le due lastre di vetro.

Non deve essere in alluminio, ma in materiale termico.

La canalina in alluminio NON termica può provocare la condensa superficiale, come mostrato in foto.

condensa-canalina-alluminio

Infissi in PVC: Assolutamente SI, ma di prima qualità

 

Ah, prima di continuare ti chiedo un piacere. Se questo articolo ti sta piacendo, che ne dici di farmi un grande favore e far click su +1 qui sotto?

 

Infissi in legno

finestre-in-legno-immagini

Come il PVC, il legno è un materiale isolante e tradizionalmente il più usato per costruire le finestre.

Sfatiamo il più grande falso mito che circola sul legno.

Gli infissi in legno NON hanno bisogno di molta manutenzione.

La ricerca sulle vernici ha fatto passi da gigante in questi ultimi anni.

Le finestre in legno di ultima generazione trattate con vernici ecologiche ad acqua, sono garantite da 7 a 15 anni a seconda del ciclo di trattamento.

Perciò niente paura.

Quello che corrode la vernice è la polvere che, bagnata dall’acqua e seccata dal sole, crea delle particelle che hanno un effetto corrosivo.

Per far sì che ciò non accada, basta tenere pulita la finestra all’esterno e utilizzare un prodotto specifico che nutre e ravviva la vernice.

I 7 vantaggi del legno:

  1. E’ un materiale naturale
  2. E’ un materiale BIO
  3. E’ profumato e caldo al tatto
  4. E’ un materiale isolante con valori termici ottimi
  5. Massima flessibilità nelle lavorazioni e nelle colorazioni
  6. Può essere accoppiato all’alluminio per evitare la manutenzione esterna
  7. Rapporto qualità-prezzo buono

 

Legno o Legno/Alluminio: Si.

 

Riassumendo in breve:

  • Alluminio a taglio freddo: Assolutamente NO
  • Alluminio a taglio termico con isolante minimo: NO
  • Alluminio a taglio termico con ottimo isolamento: SI
  • PVC di alta qualità: Assolutamente SI
  • Legno o Legno/Alluminio: Assolutamente SI

 

Ho creato una grafica per fare in modo che le differenze fra Alluminio, PVC e Legno ti rimangano bene in mente.
Clicca sull’immagine per ingrandirla e scaricarla!

pvc-o-alluminio-infografica

 

 

Posa in opera

Tutto quello di cui abbiamo parlato fino ad ora (isolamento termico, acustico ecc), non ha alcun valore e non serve a nulla se di base non esiste un progetto di posa in opera qualificato.

La finestra senza posa è una mezza cosa

La posa in opera incide al 70% sulle prestazioni reali di una finestra.

Un serramento molto performante e costoso se posato male non vale veramente nulla perché l’installazione scorretta va a vanificare tutte le certificazioni ottenute dai test di laboratorio.

E’ come acquistare una vasca idromassaggio di ultima generazione costosissima con caratteristiche e funzioni stratosferiche e farla posare da un idraulico che attacca male i tubi.

Prodotto ottimo + posa in opera pessima = nessuna funzionalità.

Le aspettative che avevamo dal prodotto sono state vanificate da una pessima posa in opera.

 

Invece che confrontare i preventivi, dovresti confrontare i progetti di posa in opera

 

Ok, ho capito Mauro, ma mi puoi fare un esempio concreto?

Certo!

Se vuoi sapere che cosa ho in casa mia ti posso dire che, oltre alla porta blindata, ho fatto montare delle finestre in legno con il guscio in alluminio esterno.

Esteticamente sono tutte uguali ma tecnicamente no.

  •  Sala da Pranzo (che è esposta a sud): ho scelto finestre con vetri doppi selettivi a controllo solare per mantenere la stanza più confortevole durante l’estate evitando l’eccessivo accumulo di calore solare.
  • Camere da letto: ho investito qualche soldino in più su finestre antirumore con un vetro doppio acustico per riuscire a dormire bene la notte
  • Cucina: per quanto riguarda la portafinestra della cucina che dà sul terrazzo, mi sono concentrato sulla sicurezza: vetri anti sfondamento, maniglia con il pulsante, chiusure raddoppiate.

 

Facendo così ho risolto finestra per finestra tutte le problematiche: ho ridotto del 25% le spese di riscaldamento, ho eliminato l’80% del rumore e ho reso la mia casa più sicura del 70%

In questo modo ho speso veramente bene i miei soldi.

Tutti questi risultati sono stati possibili perchè ho progettato personalmente la posa in opera di ogni singola finestra.

 

Conclusioni

Spero con questo articolo di aver chiarito tutti i tuoi dubbi.

Se ti serve un progetto di posa in opera qualificata per problemi termici acustici o di sicurezza chiedi la mia consulenza.

Troverai i miei contatti su questa pagina. Leggi le recensioni dei miei clienti e richiedi un preventivo.

Se invece vuoi saperne di più sul prezzo degli infissi, dai un’occhiata alla guida infissi in PVC prezzi.

Il post ti è stato utile?

Che ne dici di farmi un piccolo favore regalandomi un semplice +1?
Il tuo feedback per me è davvero importante!


Grazie di cuore,
Mauro

 

Valuta l'articolo -->
Valutazione Ottenuta
4 based on 756 votes
Titolo
Infissi in PVC o Alluminio: Qual'è il Materiale Migliore?
83 Commenti
  • Giovanni Esposito
    Posted at 04:56h, 06 febbraio Rispondi

    Mi piace moltissimo il tuo articolo dove in maniera semplice chiarisci alcuni concetti sulla scelta delle finestre
    Ho brevettato un sistema PVC/A e mi piacerebbe avere un tuo prezioso parere.
    348 72 97 803
    Complimenti e cordiali saluti

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:07h, 06 febbraio Rispondi

      Grazie Giovanni, contattami in privato, scrivi a info@tigulliodesign.it

      Un caro saluto
      Mauro

    • marco seci
      Posted at 19:57h, 08 febbraio Rispondi

      Ciao Giovanni ho visionato il tuo estruso presso samas di Guspini. ….complimenti nn vedo l’ora di assemblare un serramento. ..sono veramente curioso. E di primo acchito credo sia la giusta risposta. .per noi serramentisti. . .complimenti

  • Roberto
    Posted at 18:43h, 05 giugno Rispondi

    Mi è piaciuto il tuo articolo e siccome vorrei sostituire 2 finestre in legno con PVC e Aluminnio mi potresti dare un preventivo APPROSSIMATIVO dandoti le misure delle finestre (94×141. E. 107×112) abito a Savona grazie ciao

  • Marta B
    Posted at 17:42h, 24 ottobre Rispondi

    Grazie per l’articolo, Mauro.
    Mi hai aiutato a schiarirmi le idee

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 15:13h, 25 ottobre Rispondi

      Figurati, Marta.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Marco
    Posted at 14:12h, 06 novembre Rispondi

    Salve. Anzitutto complimenti per l’articolo, davvero esaustivo e utilissimo. Avrei una domanda: un produttore di infissi mi ha preventivato una tipologia di infissi in alluminio-legno freddo (internamente in legno) e vetro camera con gas argon. Mi chiedo: è possibile con questa tipologia di infissi raggiungere i parametri di trasmittanza richiesti dalla norma per la detrazione fiscale al 65%? Grazie e buona giornata.

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:08h, 19 dicembre Rispondi

      Ciao Marco

      L’alluminio a taglio freddo + legno non è un buon profilo e non lo consiglio.

      Come minimo terrei in considerazione:
      – un profilo alluminio a taglio termico + legno
      – oppure PVC esterno legno interno
      – o addirittura una finestra tutta di legno con il guscio esterno in alluminio

      E’ difficile che il profilo che hai menzionato riesca ad arrivare ai valori necessari per la detrazione del 65%

      Un caro saluto,
      Mauro

      • Rosaria Marfella
        Posted at 13:09h, 13 marzo Rispondi

        Buonasera e complimenti per la chiarezza del suo articolo. Una cosa mi sfugge…i vetri dei miei infissi a taglio termico , con il freddo intenso all’esterno , risultano freddi anche dentro. È normale? Grazie per la sua risposta

        • Mauro (Tigullio Design)
          Mauro (Tigullio Design)
          Posted at 14:37h, 13 marzo Rispondi

          Cara Rosaria,

          Molto probabilmente non sono vetri con una faccia basso emissiva.

          Puoi fare la prova con un accendino: avvicinandolo al vetro, se vedi una fiamma di colore diverso dalle altre, vuole dire che c’è il basso emissivo. Se le fiamme sono di colore tutte uguali vuol dire che il vetro camera e’ normale pertanto può trasmettere il freddo all’interno.

          Un caro saluto
          Mauro

  • Nicola
    Posted at 05:36h, 22 novembre Rispondi

    Ciao Mauro complimenti per l’articolo, dopo averlo letto mi sono convinto della scelta che voglio fare, grazie ancora dell’aiuto ciao

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:04h, 19 dicembre Rispondi

      Sono contento che ti sia utile, Nicola.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Davide
    Posted at 09:18h, 12 dicembre Rispondi

    Ciao, ottimo articolo. Ne ho letti tanti ma il tuo ha sintetizzato davvero bene i concetti.
    Se posso farti un appunto, ci mancherebbe una valutazione dei prezzi. Non tipo questo costa X e quelli Y, ma semplicemente questo costa mediamente X% più di quell’altro, a parità di accessori o vetri.
    Buona giornata.

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:03h, 19 dicembre Rispondi

      Grazie per il consiglio, Davide.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Alice
    Posted at 22:45h, 01 gennaio Rispondi

    Grazie davvero utilissimo, finalmente chiarimenti esaustivi

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:36h, 22 febbraio Rispondi

      Grazie per il commento, Alice

      Un caro saluto
      Mauro

  • Marta
    Posted at 18:21h, 07 gennaio Rispondi

    Il miglior articolo che ho trovato sul web.
    Grazie Mauro.

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 17:05h, 23 gennaio Rispondi

      Grazie Marta per i complimenti all’articolo

      Un caro saluto,
      Mauro

  • elisabetta midolo
    Posted at 11:59h, 22 gennaio Rispondi

    Ciao Mauro sei stato molto esaustivo e finalmente mi sono chiarita le idee e forse riusciro a capire qualcosa di tutto cio ‘ che c’e scritto nei preventivi in mio possesso.Anche io ti consiglio di mettere pure il costo dei singoli materiali perche’ mi pare che ognuno faccia a modo proprio e per chi non è addetto ai lavori non riesce a barcamenarsi

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:36h, 22 febbraio Rispondi

      Grazie per il tuo consiglio, Elisabetta.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Vincenzo
    Posted at 16:30h, 23 gennaio Rispondi

    Ciao, vorrei sapere se avendo gia’ degli infissi in legno (douglas) e’ possibile l’installazione di doppi vetri per un migliore isolamento?

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 10:17h, 25 gennaio Rispondi

      Ciao Vincenzo,

      Montare un motore BMW su una carrozzeria Panda non è una buona soluzione.
      E’ un palliativo che non risolve del tutto il problema.

      Installando doppi vetri su finestre esistenti si aumenta di poco l’isolamento termico.

      Il freddo e gli spifferi, in un serramento non certificato e con ferramenta e cerniere vecchia generazione, non passano solo dal vetro ma sopratutto dal telaio e dalle ante.

      Il peso del vetro doppio potrebbe influire sul mal funzionamento delle cerniere che non sono state progettate per carichi superiori.

      Io opterei per sostituire la finestra con una di ultima generazione, magari iniziando dalla più problematica.

      Oltre ad aumentare l’isolamento termico, miglioreresti l’isolamento acustico e la tenuta agli agenti atmosferici.

      Fino al 31/12/2018 puoi detratti il costo dei serramenti del 50%.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Ivano Biglione
    Posted at 01:33h, 14 febbraio Rispondi

    Buongiorno, sono interessato ai serramenti in PVC e porgo le seguenti domande:
    1) cosa vuol dire in pratica che non adatti per grandi dimensioni?
    2) Esteticamente si possono avere in tinta e sembianza dell’alluminio per un ambientazione hi-tech?
    3) in che ordine di costo al mq si colloca il PVC per grandi superfici (es. 7,5m x 3m in 3 elementi 2,5×3 di cui il centrale scorrevole e gli altri 2 fissi?)
    Cordiali saluti e grazie!
    Ivano.

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 16:27h, 14 febbraio Rispondi

      Ciao Ivano,

      Ti rispondo punto per punto:

      1) Il pvc è un materiale flessibile rinforzato all’interno con acciaio zincato.
      Le case produttrici lo certificano e garantiscono in altezza fino a 2,4/2,5 mt.
      Oltre questa misura si raccomanda di aggiungere un sopraluce fissi o apribile.
      In larghezza ci sono molto limiti.

      2) Se vuoi avere un infisso moderno ti consiglio il fin project della Finstral, un serramento in pvc con due gusci in alluminio. Uno all’interno e uno all’esterno. Gran bel prodotto con valori termici acustici elevati.

      3) Non è possibile dare un prezzo al mq. Ti consiglio di rivolgerti ad un rivenditore e studiare con lui la soluzione più adatta a tutte le sue esigenze.
      Un serramento di quelle dimensioni ha bisogno, per dare delle garanzie, di un progetto di posa in opera oltre che di trasporto.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Gabriella Monti
    Posted at 16:46h, 21 febbraio Rispondi

    Buongiorno, sono interessata ad installare dei serramenti in PVC, ma sono preoccupata per le dimensioni di due porte finestre di 170x 240cm. Potrei avere problemi? se si, di che genere? grazie e saluti. gabriella

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:33h, 22 febbraio Rispondi

      Dipende dal numero di ante e dalla tipologia del serramento, Gabriella.

      I serramenti a tre ante o gli alzanti scorrevoli (ad esclusione dello scorrevole parallelo) sono assolutamente fattibili.

      A prescindere dal materiale (pvc, alluminio o legno), se vuoi realizzare un serramento a due ante di quella dimensione, è necessario che la ferramenta e tutti gli accessori siano garantiti e progettati per sostenere il peso del serramento.

      A tal proposito, dovrai richiedere fattibilità e garanzia scritta dal fornitore.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Lida Duran
    Posted at 14:18h, 24 febbraio Rispondi

    Bravissimo…..ottima la spiegazione, molto utile davvero, grazie!
    Peccato che sei lontano, purtroppo io sono in provincia di Roma., altrimenti farei fare il lavoro a te!

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 13:40h, 25 febbraio Rispondi

      Grazie per i complimenti, Lida.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Fabrizio Mancini
    Posted at 17:04h, 24 febbraio Rispondi

    Celo avete il legno lamellare?

  • Margherita Bellino
    Posted at 16:40h, 27 febbraio Rispondi

    Buon pomeriggio, vorrei sapere come si distingue un alluminio a taglio termico con buon isolamento? Quanto spesso deve essere il giuto centrale?24 mm può andar bene?
    Mentre, pvc di tipo S tedesco? è tra i migliori in commercio?
    Grazie!

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:40h, 28 febbraio Rispondi

      Ciao Margherita

      Sia l’alluminio a taglio termico che il PVC, per essere performanti, devono avere dei valori di trasmittanza termica di almeno 1,2w2k (questo valore significa che la finestra non conduce e consuma poco).
      Per verificare dunque che il serramento che stai acquistando sia valido, controlla che rispetti questo valore di trasmittanza termica.

      Attenzione, però. Bisogna dare molta importanza alla posa in opera. Senza una posa in opera certificata il valore e le performance del serramento si annullano.

      Posa certificata significa utilizzare materiali specifici che isolano il giunto primario (Controtelaio / muro) e il giunto secondario (controtelaio / telaio della finestra).

      I materiali da utilizzare a seconda dei casi sono: schiume elastiche, barriere al vapore, nastri autoespandenti).

      Un caro saluto
      Mauro

  • Stefano
    Posted at 06:55h, 02 marzo Rispondi

    Buongiorno Mauro.

    Avrei alcune domande:
    – per quanto riguarda la risposta del materiale (PVC o alluminio) al caldo e al freddo, il PVC può’ dilatarsi e quindi deformarsi nel tempo?
    – per quanto riguarda gli aspetti di sicurezza (intesa come antifrizione/vandalismo) cosa e’ meglio? Ho sempre avuto l’idea che il PVC sia facile da spaccare …
    – per infissi di grandi medio-grandi/grandi dimensioni (p.e. 2×2,60, 3×2,60) il PVC e’ abbastanza solido per reggere nel tempo il peso?
    – qual’e’ la garanzia (tipo e durata) che viene data ai serramenti in PVC?

    Grazie per le risposte

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 22:01h, 05 marzo Rispondi

      Ciao Stefano

      Ti rispondo punto per punto:

      1) Tutti i materiali si dilatano. Il PVC, al caldo si dilata e al freddo ritorna alla misura originale. L’importante è che il tecnico dell’azienda a cui ti rivolgerai, in fase di rilievo misure, lasci dello spazio (un po’ di “gioco”) tra telaio e controtelaio e che gli installatori riempiano di schiuma elastica questo spazio per fare in modo che la dilatazione non crei alcun problema.

      2) Assolutamente no, basta inserire nella ferramenta dei nottolini supplementari antieffrazione, maniglia con pulsante o chiave e piastra anti trapano davanti alla serratura. Anche i serramenti in PVC sono certificabili in classe di sicurezza RC1 e RC2

      3) Naturalmente dipende dalla tipologia del Serramento. Per le dimensioni che hai citato è consigliabile fare almeno tre ante a battente o scorrevoli alzanti. Utilizzando queste tipologie, il serramento è sicuramente garantito.

      4) La garanzia di legge è di 2 anni per ogni tipo di serramento. Con una manutenzione annuale, il serramento in PVC può durare per tutta la vita. Ultimamente abbiamo smontato dei serramenti in pvc ancora funzionanti installati nel 1986.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Aldo
    Posted at 22:29h, 05 marzo Rispondi

    Grazie mille per le varie delucidazioni.Vorrei chiederti un parere sugli infissi in termoresina che mi hanno proposto e a dire del venditore un prodotto eccellente..Grazie ancora

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 09:34h, 06 marzo Rispondi

      Ciao Aldo,

      Non posso darti il mio giudizio non conoscendo a fondo il prodotto.

      Comunque stai molto attento perché essendo un prodotto nuovo non c’è uno storico delle prestazioni pertanto io non lo comprerei.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Luciana
    Posted at 22:50h, 07 marzo Rispondi

    Salve sono Luciana, è possibile un consiglio? Dovrei ristrutturare casa in campagna, meglio infissi in pvc o alluminio esterno e legno interno? Nn ho capito bene se quest’ultimo crea condensa. Premetto che tutti gli infissi sono riparati da tettoia. Grazie

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 15:11h, 08 marzo Rispondi

      Ciao Luciana,

      Sono tutti e due serramenti validi per una casa in campagna. Nessuno dei due produce condensa.

      Il PVC è un materiale più economico rispetto al profilo di legno interno con una copertura minima di alluminio esterno (attenzione perché ci sono profili con maggioranza alluminio e una parte minima di legno interno che sconsiglio).

      A te la scelta, valutando la qualità della posa in opera che è l’elemento più importante per raggiungere i risultati.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Francesco
    Posted at 15:16h, 19 marzo Rispondi

    Complimenti spiegazioni molto chiare. Io abito a Cuneo città abbastanza fredda, è il caso di pensare al triplo vetro? Chiedo anche se la Vs ditta potrebbe visto la distanza potrebbe farmi i lavori. Grazie saluti Francesco

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 16:18h, 19 marzo Rispondi

      Ciao Francesco,

      Il mio consiglio e’ di installare il triplo vetro per finestre esposte a nord.

      Per quanto riguarda il montaggio dipende dalla quantità dei serramenti.

      Se ci comunichi le misure e ci indichi che tipo di lavoro devi fare (tipo nuove finestre o sostituzione delle vecchie), possiamo farti un preventivo.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Francesco
    Posted at 07:43h, 21 marzo Rispondi

    Ho inviato le misure via email grazie

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 10:11h, 21 marzo Rispondi

      Perfetto, Francesco.
      Ho già girato la richiesta ai miei collaboratori.
      Ti risponderanno il prima possibile.
      Un caro saluto,
      Mauro

  • Ceraso Angelo
    Posted at 17:42h, 21 marzo Rispondi

    Salve articolo molto esauriente ma secondo me non completo, potrebbe inserire una lista delle aziende costruttrici di finestre in PVC di buona qualità per evere un quadro completo della situazione,Grazie

  • Matteo
    Posted at 08:37h, 26 marzo Rispondi

    Ciao Mauro,
    grazie per le informazioni che ci metti a disposizione. Una domanda: che differenza c’è tra vetro selettivo e vetro basso-emissivo?
    Ti ringrazio.
    Matteo

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 08:39h, 29 marzo Rispondi

      Ciao Matteo,

      Il vetro basso emissivo con gas argon è consigliato per il risparmio energetico.

      Si comporta come un termos: fa entrare il caldo e lo mantiene all’interno evitando dispersione di calore verso l’esterno.

      Il vetro selettivo è adatto per climi temperati ed esposizioni a Sud: in presenza di irraggiamento solare, riflette una parte di raggi solari evitando di entrare e di surriscaldare gli ambienti.

      Per finestre con esposizione a nord consiglio i vetri basso emissivo, mentre per esposizione a sud i vetri selettivi.

      Ci sono vetri che uniscono i vantaggi del basso emissivo e del selettivo. Si chiamano mediterran o quattro stagioni.

      Un caro saluto
      Mauro

      • Matteo
        Posted at 14:49h, 03 aprile Rispondi

        Grazie davvero.

        • Mauro (Tigullio Design)
          Mauro (Tigullio Design)
          Posted at 16:40h, 03 aprile Rispondi

          Figurati, Matteo.

          Un caro saluto,
          Mauro

  • Stefano
    Posted at 22:17h, 13 aprile Rispondi

    Salve Mauro,
    mi viene proposto un pvc korus slim con trasmittanza globale media d 1,3 e un alluminio a taglio termico che somiglia a quello che hai messo tu in foto con isolante minimo, nello specifico il venditore compra profili Extrathermic 62 e li assembla. Promette una trasmittanza media globale di 1,6. Sceglierei il pvc ma ho paura che ingiallisca col tempo e duri meno dell alluminio…
    Grazie!

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 15:09h, 17 aprile Rispondi

      Ciao Stefano

      Il pvc non ingiallisce nel tempo e non dura meno dell’alluminio (vedi video: https://www.youtube.com/watch?v=4cre1xsNWDQ).

      Comunque, se dovessi scegliere acquisterei l’alluminio Korus piuttosto del profilo assemblato dall’artigiano.

      I valori termici lo confermano.

      Attenzione alla posa in opera che è la cosa più importante.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Angelo
    Posted at 15:44h, 03 maggio Rispondi

    Saluti Mauro
    Bell’articolo.
    Avrei una domanda: io dovrei fare una porta verso il giardino in un’apertura larghezza 210 per altezza 310 porta centrale larghezza 90 h 210 o 240 il resto sia sopra che ai fianchi luce in vetro fisso mettiamo i vetri blindati ma col l’alluminio si riesce ad avere classe 3 all’effrazione o devo andare per forza sull’acciaio?
    grazie
    Angelo

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 11:51h, 12 maggio Rispondi

      Ciao Angelo,

      Ti consiglio una porta blindata per esterni a vetri con le seguenti caratteristiche: Un’anta 90×210 + fianco luce e sopra luce.

      Attenzione: la porta deve essere a tenuta aria e acqua, perciò valuta molto bene le caratteristiche. Io ti consiglio una porta blindata da esterno Gasperotti, come questa: Porta Blindata con Vetro

      Un caro saluto
      Mauro

  • Paolo
    Posted at 13:08h, 05 maggio Rispondi

    Salve Mauro,
    ci sono dei limiti dimensionali per le diverse tipologie di infisso?
    Per delle portefinestre con luce di passaggio di circa 100/110×230 cm quale tipologia di infisso mi consiglieresti? E’ possibile ipotizzare un infisso ad una sola anta?
    Grazie!

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 11:53h, 12 maggio Rispondi

      Ciao Paolo,

      I limiti dimensionali sono dettati dalle varie aziende.
      Per luce-passaggio 100×230 non ci sono problemi di realizzazione con qualsiasi materiale.

      Si possono realizzare anche ad un’anta aggiungendo degli accessori specifici.

      Rivolgiti a rivenditori specializzati e chiedi garanzie sul prodotto richiesto.

      Attenzione: la posa in opera vale il 70% dell’intero lavoro.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Innocente Donatella
    Posted at 12:40h, 17 giugno Rispondi

    Buongiorno Mauro
    complimenti x l’articolo. Io abito in provincia di Reggio Emilia e quindi direi non comoda per poter chiedere a lei un preventivo. Ha per caso qualche nominativo di Aziende da consigliarmi?
    Grazie
    Donatella

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 07:08h, 18 giugno Rispondi

      Buongiorno Donatella,

      Ti invio una mail in privato con il nome di un’azienda che conosco.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Michele
    Posted at 15:32h, 22 giugno Rispondi

    Buongiorno
    Vorrei sapere se esiste un serramento di grandi dimensioni (circa 3 Metri) che si apre tutto che non sia scorrevovole (non ho spazio esterno per il controtelaio) e che non sia a libro….io cerco un serramento a 4 vetri dove le prime 2 ante si aprano verso l’interno e poi si ripiega tutto ancora verso l’interno… Spero che si capisca e grazie in anticipo
    Michele

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 16:35h, 02 luglio Rispondi

      Si Michele, esistono le portefinestre a libro della Finstral. Ecco il link: https://bit.ly/2Ng3uwa
      Cerca il rivenditore della tua zona.
      Un caro saluto
      Mauro

  • Tiziana
    Posted at 10:13h, 28 giugno Rispondi

    Buongiorno,
    vorrei chiederle se è meglio usare il pvc o il pvc e alluminio. I prezzi sono quasi uguali, ma non riusciamo a capire la diffrenza, perchè quando chiediamo ai serramentisti, ognuno dice la propria e siamo indecisi. Grazie

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 16:33h, 02 luglio Rispondi

      Ciao Tiziana,

      Sono entrambi ottimi materiali.
      Se il prezzo è simile opterei per un serramento in pvc con il guscio esterno in alluminio.
      Attenzione però alla posa in opera che vale il 70% del risultato finale.

      Un caro saluto
      Mauro

      • Tiziana
        Posted at 15:41h, 04 luglio Rispondi

        La ringrazio. Ora però parlando con un’altro serramentista, abbiamo le idee un po’ confuse, perché ci ha detto che sarebbe meglio facessimo i serramenti in alluminio, piuttosto che pvc e alluminio, questo perché la parte del profilo in pvc coperto con l’ alluminio, andrebbe a ricevere molto calore e quindi il pvc diventerebbe più duro e più a rischio di rotture se ricevesse dei colpi, soprattutto negli angoli. Non sappiamo che fare. Il prezzo non e’ un problema, sappiamo che l’ alluminio costa di più, ma a noi interessa principalmente la qualità e la durata. Cosa ci consiglia di scegliere?

        • Mauro (Tigullio Design)
          Mauro (Tigullio Design)
          Posted at 09:36h, 05 luglio Rispondi

          Molto probabilmente il serramentista che le ha dato questa risposta produce solo alluminio e vuole tirare acqua al suo mulino.

          Tecnicamente un serramento misto PVC e Alliminio è la scelta più giusta perche unisce la conducibilità del PVC all’interno della casa (ossia finestra calda al tatto) con la rigidità dell’alluminio esterno.

          Consiglio serramenti TOP72 con guscio in alluminio esterno (chiamato KAB) dell’azienda Italiana FINSTRAL.

          Un caro saluto
          Mauro

          • Tiziana
            Posted at 21:02h, 13 luglio

            Grazie signor Mauro, ci ha dato la spinta per fare la scelta, e abbiamo optato per il serramento della Internorm KF310 in pvc e alluminio mod. ambiente, doppio vetro (abitiamo a pochi km dal mare, quindi più di un serramentista ci aveva detto che per la nostra zona non era necessario il triplo). La ringrazio ancora per avermi sempre risposto, lo apprezzo molto. Buona giornata e buon lavoro.
            Tiziana

          • Mauro (Tigullio Design)
            Mauro (Tigullio Design)
            Posted at 09:13h, 14 luglio

            Figurati, Tiziana.

            Un caro saluto
            Mauro

  • Barbara Braga
    Posted at 18:45h, 19 luglio Rispondi

    Buonasera Mauro, grazie per i preziosi consigli, ma il PVC è “per sempre” o potrebbe con sole ed acqua spelarsi e se si dovesse spelaree, ci sarebbe la possibilità di ristrutturarlo.?Grazie

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 15:43h, 20 luglio Rispondi

      Ciao Barbara,

      Nessun prodotto e’ per sempre.

      Un pvc di qualità non si deve spellare e deve durare almeno 30/40 anni.

      Preferire profili non pellicolati cioè no con pellicola incollata sopra.

      Un caro saluto
      Mauro

  • pino
    Posted at 08:41h, 27 luglio Rispondi

    Buongiorno, e congratulazioni per l’ottima spiegazione. Ne approfitto per chiederle un consiglio su cosa scegliere per una casa in montagna in Abruzzo che ho ristrutturata ma che utilizzerò solo nei periodi estivi e invernali durante le feste natalizie. Sono molto indeciso su quali infissi montare anche perchè la mia scelta è anche condizionata dall’aspetto economico visto che non vorrei spendere molto ma nemmeno poco , diciamo una via di messo. La casa è ubicata in una contrada pertanto isolata dal paese, inverno nevica essendo a 800 metri e d’estate fa caldo.
    Cosa mi consiglia? grazie mille

    • Mauro (Tigullio Design)
      Mauro (Tigullio Design)
      Posted at 10:06h, 28 luglio Rispondi

      Buongiorno Pino,

      Sicuramente le consiglio il profilo misto pvc-alluminio: pvc all’interno e al centro con un guscio di alluminio esterno.

      Anche il vetro ha la sua importanza. Opterei per un triplo vetro basso emissivo di qualità.

      Fosse casa mia sceglierei un profilo Fin 72 Kab della ditta Finstral con un vetro triplo performante.
      Su http://www.finstral.com troverà ulteriori info.

      Cordiali saluti,
      Mauro

  • Pino
    Posted at 11:48h, 19 agosto Rispondi

    buongiorno Mauro, Ma il costo di questo profilo a quanto si aggira? tenga conto che per 2 finestre farei solo a un anta, mentre per le altre 3 doppia con una che da su un balcone.
    Per finire mi sconsiglia pertanto solo PVC immaginando che costi molto meno questo profilo?
    consideri anche che essendo una casa in pietra vorrei farle in finto legno se non c’e molta differenza.
    grazie per la sua ulteriore consulenza.

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 09:43h, 23 agosto Rispondi

      Ciao Pino

      Il profilo in pvc non è assolutamente sconsigliato.

      Fosse casa mia opterei per il sistema misto pvc tinta legno all’interno con una cover in alluminio tinta legno all’esterno (guarda il sistema Finstral Kab).

      Per darti un’idea approssimativa, il costo si potrebbe aggirare dai 4000 ai 5000 euro a seconda del tipo di profilo usato, accessori (vetri, maniglie, optional) ed infine dal tipo di posa in opera

      Un caro saluto
      Mauro

  • alessandra
    Posted at 09:53h, 23 agosto Rispondi

    Buongiorno Mauro, complimenti per l’articolo.
    Avrei anch’io bisogno di un consiglio: devo sostituire una veranda (attualmente in alluminio a taglio freddo, dopo il tuo articolo ho capito perché mi ha creato problemi), ho due preventivi:
    -veranda in alluminio a taglio termico verniciato ral 9010 e vetri stratificati 4+4/12/5
    -copertura inclinata a taglio termico profili SHUCO FWS60, vetri isolanti stratificati trasparenti:
    parte superiore 8/16/4+4.2 – parte inferiore 3+3.1/16/3+3.1,
    tutti i vetri sono Be+Gas Argon

    I due preventivi si discostano come prezzo di moltissimo, il secondo il doppio del primo.
    Il primo è così precario rispetto al secondo? E’ valutabile, secondo te, una mediazione tra i due?
    Grazie mille,
    Alessandra.

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 17:50h, 27 agosto Rispondi

      ciao Alessandra,

      dalla descrizione il secondo preventivo è sicuramente il più performante.

      Ti consiglio di optare per questo.

      Ma attenzione, prima di acquistare accertati che la ditta usi un sistema di posa adeguato al prezzo richiesto.

      Fai verifiche sulla ditta, sui suoi installatori, che materiali usano, leggi le recensioni, ecc.

      Come mi avrai già sentito dire, il serramento, anche il più performante, vale solo il 30%.

      Il restante 70% lo fa la posa.

      Ricordati che lo stato, fino al 31 dicembre, ti da la possibilità di detrarti tutto il costo al 50% in 10 anni.

      Un caro saluto,
      Mauro

  • Alessandro B
    Posted at 12:16h, 30 agosto Rispondi

    Buongiorno,
    abito nella provincia di Bologna e sto acquistando una villetta a schiera di tre piani con finestre quasi a tutta parete. In pratica i lati corto di ogni piano sono costituiti da serramenti: finestre, porte finestre e finestre semplici. Gli infissi sono originali del 1984 in alluminio a taglio freddo. Avevo già programmato di sostituirli.
    Come faccio? PVC o alluminio? Il tuo articolo mi ha aiutato, ma solo in parte. Ahimè.
    I venditori di infissi in alluminio mi dicono che:
    – alluminio è eterno,
    – pvc Costa un po’ meno, ma è garantito solo due anni (e ci sarà un perché, mi dicono)
    – pvc di oggi, per le normative europee e’ più debole di quello di qualche anno fa e, quindi, sulle grandi dimensioni, potrei avere delle deformazioni importanti,
    – il PVC è fatto tutto in paesi vattelappesca che chissà come lo fanno e te lo assemblano,

    ho quattro preventivi per PVC da Finstral, Infissigroup, Oknoplast, e una Internom.

    Mi vergogno ad ammetterlo, ma, per quanto io mi sia informato via Web, non ho le idee chiare e, forse, sono più confuso di prima. Di formazione sono uno storico, quindi di tecnico non capisco davvero un bel nulla, nn vorrei prendere una grandissima “fregata”, perché l’investimento è, comunque, davvero ingente.

    Se puoi darmi una dritta, te ne sarei davvero grato.

    Grazie
    Alessandro

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 06:57h, 31 agosto Rispondi

      Buongiorno Alessandro,

      Ho provato a contattarti via email, ma senza successo.

      Puoi contattarmi a questo indirizzo email: mauro@tigulliodesign.it così rispondo dettagliatamente alla tua domanda, dato che è molto lunga per essere inserita qui sul blog.

      Un caro saluto
      Mauro Semonella

  • stefania Garola
    Posted at 12:26h, 04 settembre Rispondi

    grazie ,
    buona spiegazione.
    avete colleghi / rivenditori su Milano? o voi arrivate anche fin qui?
    saluti
    Stefania

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 13:50h, 04 settembre Rispondi

      Buongiorno Stefania,

      Arriviamo anche a Milano.

      Ti scrivo via mail l’indirizzo email e il numero di telefono del responsabile.

      Puoi contattarlo direttamente.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Carolina
    Posted at 12:22h, 22 settembre Rispondi

    Buongiorno Mauro sono di Umbria /Terni mi può consigliare una azienda di fiducia nella mia zona.Grazie Salute

  • Francesco Todesco
    Posted at 18:34h, 24 settembre Rispondi

    Ottimo articolo, solo un dubbio. Se la posa in opera incide per il 70%, come può una persona normale conoscere un bravo montatore?

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 10:45h, 26 settembre Rispondi

      Ciao Francesco,

      Ti consiglio di
      1) assicurarti che l’azienda a cui ti rivolgi abbia almeno una certificazione di posa in opera (le migliori sono CasaClima e IFT di Rosenheim)
      2) leggere tutte le recensioni che puoi trovare sul web (su Google, Facebook, ecc).

      Non potrai avere una garanzia al 100% che la finestra venga posata correttamente, ma almeno ridurrai (di parecchio) il rischio di scegliere un’azienda inaffidabile.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Daniela Nicoli
    Posted at 00:57h, 29 settembre Rispondi

    Ottimo articolo, ma ho ancora molti dubbi. Io ho una casa a Fiorenzuola d’Arda girando tra i serramentisti ognuno dice la sua chi è megliosolo alluminio chi solo pvc, chi alluminio e legno. Alluminio e legno forse è la scelta migliore, ma io odio fare manutenzione dopo anni, quindi secondo me la soluzione giusta sarebbe pvc al interno e alluminio al esterno ma vorrei tutto di qualità e che mi faccia consumare meno di riscaldamento, come si riconosce un serramento di qualità. Mi può dare un consiglio su cosa prendere, le caratteristiche per ottenere poi la detrazione fiscale? Ha qualche nominativo di ditte nella mia zona?

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 08:30h, 10 ottobre Rispondi

      Ciao Daniela,

      La tua scelta è senz’altro la più giusta.

      Un profilo in PVC che essendo un materiale non conduttore non produce umidità e condensa, accoppiato con un carter in alluminio esterno.

      Ti consiglio il profilo FINSTRAL Top 72 KAB. Sul sito http://www.finstral.com trovi il contatto per la tua zona.

      Un caro saluto
      Mauro

  • Peppe
    Posted at 14:01h, 01 ottobre Rispondi

    Ciao Mauro quale mi consigli per casa mia in pvc o alluminio a taglio termico ..
    Basta che non mi fa umidità, e quale mi costa di più..
    Le misure sono 1.20×2.50 Mi fai sapere Grazie

    • Mauro Semonella
      Mauro Semonella
      Posted at 08:29h, 10 ottobre Rispondi

      Ciao Peppe,

      Sono entrambi ottimi materiali se installati bene.
      Io opterei per un PVC di qualità che essendo un materiale non conduttore, non produce umidità e condensa.

      Ripeto, attenzione alla posa in opera che vale il 70% del risultato finale.

      Un caro saluto
      Mauro

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.