Torna in alto
© 2019, TIGULLIO DESIGN ALL RIGHT RESERVED

Detrazione Infissi 2019 | Il Bonus Infissi Spiegato Semplice

Devi sostituire gli infissi, hai sentito parlare della detrazione fiscale e vuoi saperne di più?

In questo articolo scoprirai come funziona la detrazione fiscale infissi 2019; ti spiegherò in quali casi e per quanti anni potrai usufruirne, scoprirai come effettuare i pagamenti, tutti gli adempimenti necessari e qual’è la procedura completa per poterla ottenere.

Se leggerai il post fino in fondo, saprai tutto ciò di cui hai bisogno sulla detrazione fiscale infissi 2019.

Sei pronto? Iniziamo!

 

Detrazione fiscale infissi 2019: tutto quello che devi sapere

 

Dato che l’articolo è piuttosto lungo e dettagliato, ho deciso di inserire un indice degli argomenti, in modo che puoi saltare direttamente alla parte che ti interessa senza dover leggere per forza tutto il post.

 

 

Che cos’è la detrazione fiscale?

La detrazione fiscale è “l’importo che il contribuente può sottrarre dall’imposta lorda” (ossia il totale delle tasse sui redditi di cui si è debitori verso lo Stato)“.

In parole povere, è l’importo che lo Stato ti “sconta” dalle tasse che devi pagare.

Se stai valutando la sostituzione dei tuoi infissi (finestre, persiane o avvolgibili), devi sapere che la detrazione fiscale è pari al 50% del costo sostenuto.

 

Quali spese rientrano nel bonus infissi?

Il bonus infissi viene concesso se esegui interventi che ti permettono di ottenere un miglioramento termico dell’edificio.

Rientrano anche in questo bonus la fornitura e posa in opera di:

  • finestre
  • porte d’ingresso
  • scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi
  • zanzariere
  • tende da sole (a condizione che non siano orientate a nord)

Anche la sostituzione dei vetri rientra tra le spese agevolabili per il miglioramento delle caratteristiche termiche dei componenti vetrati esistenti.

 

In quanti anni posso usufruire di questo importo?

L’importo viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo.

 

Detrazione fiscale infissi: un esempio per capire meglio

Se fino a qui non ci hai capito molto, non ti preoccupare, è normale.

La detrazione fiscale, e tutto ciò che riguarda il fisco, non è argomento semplice.

Per questo, ti faccio un esempio per capire meglio come funziona la detrazione fiscale infissi 2019:

  • Andrea acquista delle finestre del valore di 3.000€
  • La detrazione fiscale è del 50% ossia pari a 1.500€
  • Lo Stato restituisce a Andrea 150€ al’ anno per 10 anni.

 

Detrazione infissi procedura

detrazioni infissi 2019

A questo punto ti chiederai “Quale è la procedura per poter usufruire della detrazione fiscale?

Allora, per avere diritto alla detrazione fiscale finestre devi innanzitutto effettuare il pagamento, dopodichè inviare la pratica ENEA.

Qui sotto ti spiego come fare:

 

Come effettuare il pagamento

È indispensabile che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale di tipo speciale, da cui risulti:

  • la causale del versamento (legge 296/06 e successive modifiche, risparmio energetico);
  • il codice fiscale di chi vuole usufruire della detrazione;
  • il codice fiscale o numero di partita Iva della ditta venditrice

 

Come inviare le pratiche all’Enea

Successivamente (entro 90 giorni dal termine dell’installazione degli infissi), dovrai predisporre telematicamente la pratica Enea.

Qui sotto ti spiego come fare:

  1. Collegati al sito Finanziaria Enea
  2. Iscriviti creando username e password
  3. Inserisci tutti i dati richiesti (i dati anagrafici, alcuni riguardanti l’appartamento, il palazzo, ecc)
  4. Inserisci i valori richiesti che ti verranno comunicati dall’azienda al momento del contratto, ossia: il prezzo degli infissi comprensivo di IVA e i valori di trasmittanza termica sia delle vecchie finestre che delle nuove

 

Detrazione infissi 2019: domande frequenti

detrazione fiscale infissi 2018

Qui di seguito ti lascio una lista di domande frequenti sulla detrazione fiscale dei serramenti.

 

Esiste un limite massimo di spesa?

Si, per il bonus ristrutturazioni non puoi superare i 96.000 euro.

 

Chi può beneficiare della detrazione fiscale infissi?

Possono beneficiare del bonus serramenti:

  • proprietari o nudi proprietari
  • locatari
  • comodatari
  • il familiare convivente
  • chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

 

Se vendo l’appartamento perdo il bonus serramenti?

Salvo diverso accordo tra le parti, viene trasferita per la parte residua non ancora utilizzata alla persona che acquista la casa.

Nel caso invece di decesso, la detrazione passa all’erede, solo se questo abita nella casa interessata o vi trasferisce la residenza.

 

Sostituzione vetri finestre detrazione: se decido di sostituire solo i vetri, ho comunque diritto alla detrazione?

Si, anche la sostituzione dei vetri permette un miglioramento dal punto di vista termico dell’edificio.

Quindi, rientrando nel bonus infissi, la sostituzione dei vetri dei serramenti è detraibile al 50%.

 

Posso usufruire del bonus infissi anche senza effettuare lavori di ristrutturazione?

Si, puoi usufruire del bonus sicurezza anche se non effettuerai lavori di ristrutturazione.

 

Devo per forza rivolgermi a un tecnico per inviare le pratiche?

Nel caso di interventi in singole unità immobiliari, ossia univocamente definite al Catasto urbano tale scheda può anche essere redatta dal singolo utente;

In tutti i casi diversi da quelli di cui sopra (ad esempio, interventi che riguardano parti condominiali), la scheda deve essere sottoscritta da un tecnico abilitato;

Tuttavia, dato che la pratica non è semplicissima da compilare e inviare, ti consiglio di rivolgerti in ogni caso a un tecnico specializzato, come un architetto, geometra o commercialista.

In questo modo sarai sicuro di non sbagliare.

 

In quali casi bisogna fare le pratiche ENEA?

Per gli interventi di risparmio energetico (sostituzione delle finestre, porte blindate, isolamento termico del soffitto o dei muri, ecc.) e per gli interventi di ristrutturazione edilizia (ma solo per quelli che permettono un miglioramento dal punto di vista termico dell’edificio).

 

Se pago l’acconto nel 2019 e il saldo nel 2020, come devo comportarmi?

Hai due opzioni:

La prima è predisporre la pratica ENEA nel 2019 usufruendo della detrazione fiscale 2019 solo per ciò che hai pagato nel 2019. Mentre per il saldo pagato nel 2020 devi predisporre un’altra pratica e usufruirai della detrazione 2020.

La seconda opzione è fare tutto nel 2020: in questo caso avrai diritto alla detrazione fiscale a partire dal 2021.

 

Conclusioni

Eccoci giunti al termine di questo lungo articolo.

Spero di averti aiutato a capirne di più sulla detrazione fiscale infissi 2019.

Se avessi bisogno di altre informazioni che non hai trovato nel post, lascia pure un commento o leggi l’articolo in cui parlo di come calcolare l’IVA sugli infissi.

Cercherò di risponderti il prima possibile.

Se invece hai intenzione di sostituire i tuoi infissi ma non sai quale scegliere, dai un’occhiata all’articolo in cui rispondo alla domanda “Meglio infissi in alluminio o PVC?“.

Un caro saluto,
Mauro

 

 

Valuta l'articolo -->
Detrazione Infissi
Valutazione Ottenuta
4 based on 46 votes
Titolo
Detrazione Infissi
Author avatar

Mauro Semonella

http://www.finestreportegenova.it
Ciao sono Mauro: marito di Gabriella e papà di due fantastici ragazzi: Andrea e Giorgia. Sono un imprenditore, esperto di finestre insonorizzate e di porte blindate e maratoneta per passione. Studio, sperimento e divulgo la mia professione attraverso il blog.

Articoli simili

10 commenti

  1. Mary

    La ditta che mi ha venduto gli infissi tocca a lui fare la procedura Enea detrazioni fiscali?

    • Ciao Mary,

      Non per legge.
      Ci sono alcune aziende che offrono questo servizio, altre no.

      Nel secondo caso, devi procedere autonomamente oppure rivolgendoti ad un professionista.

      Un caro saluto,
      Mauro

  2. mari92

    Buongiorno, devo cambiare gli infissi, ho aperto una cila per manutenzione straordinaria nel mio appartamento comprato da poco. Cosa devo mettere nella causale del bonifico per gli infissi? Devo mettere risparmio energetico o bonifico relativo a lavori di ristrutturazione visto che sono entrambi al 50?

  3. simona testoni

    Buonasera Ho una mansarda di mia proprietà ancora tutta grezza quindi anche senza finestre . Ora vorrei iniziare i lavori per andare ad abitare li …mi chiedevo le spese per infissi posso recuperare o no perché non è ristrutturazione ?Grazie mille

  4. Mariasilvia

    I costi per la ristrutturazione sono detraibili al 50% su un totale di 96.000 euro. Il costo per la sostituzione degli infissi fa parte di questi 96.000 euro o c’e un altro plafond? Grazie

  5. Giuseppe

    Mia figlia ha regalato a mia moglie il rifacimento degli infissi nell’abitazione da quest’ultima abitato e di proprietà della stessa. Ha diritto al rimborso?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.